Il ruolo della gratitudine nella vita – Mark Nepo-

L’ultimo libro di Mark Nepo ( nella foto con Oprah Winfrey) si chiama The One Life We’re Given: Trovare la saggezza che aspetta nel tuo cuore . Esplora il modo in cui il nostro duro lavoro e autenticità ci prepara per il significato e la grazia nelle nostre vite, e come la nostra sincerità e sforzo ci aiutino a sopravvivere e prosperare. Per diversi decenni, Mark ha insegnato poesia e filosofia ed è un famoso narratore. La sua scrittura e il suo insegnamento sono dedicati al viaggio di trasformazione interiore e alla vita di relazione. Il suo bestseller # 1 del New York Times The Book of Awakening è stato tradotto in venti lingue. Mark ha fatto parte del tour The Life You Want di Oprah Winfrey nel 2014 ed è apparso più volte con Oprah nel suo programma Super Soul Sunday su OWN TV. Ho parlato con questo poeta saggio e dotato quando è stato da poco a New York, dove si ritrova nel suo viaggio di saggezza.

Mark Matousek: Qual è il ruolo della gratitudine nella vita spirituale?

Mark Nepo: il significato originale della parola “apprezzare” significa muoversi verso ciò che è prezioso. Praticare la gratitudine è un tipo di inclinazione verso l’essere veramente presenti. È una pratica che riattiva la nostra vitalità, che ci risveglia a ciò che è prezioso. La gratitudine è al centro della reciprocità; è l’atomo della relazione.

MM: E in che modo questa consapevolezza influisce quotidianamente sulla tua vita?

  • MN: Colpisce la mia “pratica del ritorno”, come mi piace chiamarla. Svegliandomi quando mi addormento, essendo sensibile quando sono intorpidito, ricordandomi che devo essere visibile e far sapere alla gente che sono visibili. Quando vado a mangiare, sono molto consapevole quando arriva il cameriere o la cameriera e riempie la mia acqua. Non sono invisibili. Mi fermo, li guardo e dico grazie. Questo non è solo altruismo o gentilezza. In questo modo, sono presente, visibile e impegnato. Sono più incarnato.

Cerco di affermare qualunque cosa la vita porti per me, anche se potrebbe essere in un modo gentile. I ritmi della vita sono tali che cose come paura, dolore, preoccupazione, difficoltà e agitazione ci spingono via e parte della nostra pratica è trovare un modo personale per tornare. La gratitudine è una di quelle strade.

MM: Che ne dici di praticare la gratitudine nel bel mezzo delle difficoltà? Questo può sembrare ossimorico.

  • MN: Spesso non sono grato quando sono nelle difficoltà. Ma sono stato abbastanza in difficoltà, e ho visto i regali, anche se forse non li voglio. Cerco di ricordare che anche se potrei non essere grato al momento, una volta che le cose si espandono, probabilmente lo farò di nuovo.

Essere infrante non è un motivo per vedere tutte le cose come rotte. È stata una grande lezione per me nel mio viaggio nel cancro. Il mio primo trattamento per la chemioterapia è stato così duro e pasticciato, e ho provato un grande dolore, malessere e paura mentre ero bloccato in un Holiday Inn. Anche se mi sentivo spezzato in quel momento, il sole splendeva ancora e in fondo alla strada stava nascendo un bambino, e da qualche altra parte la gente faceva l’amore, e qualcuno era riconoscente a qualcun altro. Stava succedendo tutto in una volta.

Parliamo tanto dell’essere nel momento, che penso che dobbiamo stare attenti a non farne un cartone animato. Essere nel momento non è una licenza per essere selvaggi e abbandonati e dimenticare gli altri. La ricompensa per essere nel momento è che vediamo diversamente, ascoltiamo in modo diverso e percepiamo in modo diverso. Essere nel momento significa che espandiamo il nostro cuore, come sono stato costretto a fare in quella stanza di motel.

Tendiamo a rendere ciò che stiamo attraversando tutto o niente. È un altalena. Facciamo la lotta e temiamo un descrittore della vita e ci prendiamo in quello e lo proiettiamo ad essere una visione del mondo. Ma non è una visione del mondo, è solo la nostra esperienza. L’altro estremo è minimizzare, rendere insignificante ciò che attraversiamo. Certo, la tensione del paradosso è che entrambi sono vere. Quindi la sfida è aprire il tuo cuore a ciò che sta accadendo oltre la tua parte del momento, al momento della vita ovunque.

Federico Garcia Lorca ha una linea meravigliosa in una poesia che parla di questo. Dice: “Non c’è nessuno che tiene in braccio un bambino che può dimenticare il cranio senza emozioni di un cadavere morto.” Questa è un’immagine molto suggestiva e un po ‘inquietante, ma penso che stia suggerendo che tutto sta accadendo tutto in una volta e che siamo sfidato a entrare tutto. Ogni volta che qualcosa si riunisce in un posto, qualcosa si sta allontanando da qualche altra parte, e viceversa.

MM: Stai parlando di onorare la pienezza dell’esperienza?

MN: Sì, e la definizione originale della parola onore è di mantenere ciò che è vero in vista. Ti onoro mantenendo ciò che so su di te per essere vero in vista; i tuoi doni e punti di forza. E lo stesso vale per la vita. Io onoro la vita mantenendo ciò che so sulla vita per essere vero.

MM: E questo si collega alla gratitudine e all’apprezzamento.

MN: Sono aspetti delle pratiche con le quali possiamo tornare ad essere sinceri e presenti, anche quando siamo rimbalzati per circostanze. Tre cose che spesso diamo per scontate sono senza tempo e funzionano davvero. Il primo è non trattenere nulla e guardare ciò che temi. Appoggiati al tuo dolore, anche se è naturale volerlo evitare. Gli altri due, che sono forse le più antiche forme di medicina, stanno tenendo e ascoltando. Non c’è mai stato un tempo che io abbia mai tenuto o che sia stato trattenuto, che non abbia ripristinato una vitalità in me. E allo stesso modo, non c’è mai stato un momento in cui ho ascoltato o ascoltato, anche quando le cose sono difficili da ascoltare, che non mi hanno riacceso nell’essere vivo.

MM: Dici che ogni persona nasce con un dono unico – una specie di genio – ma come si risveglia il genio personale?

MN: Penso che stia funzionando con ciò che ci viene dato che risveglia il nostro dono. Seguendo il nostro cuore. La nostra carriera è il risveglio della nostra anima, l’impegno del nostro dono, qualunque esso sia, e la nostra occupazione è dove ciò accade. E poiché siamo dinamici e desiderosi di andare verso cose diverse, questo può cambiare.

Non siamo mai così vivi come quando iniziamo e impariamo qualcosa di nuovo. È come l’ebbrezza dell’innamoramento. Succede qualcosa di sottile. tuttavia, mentre ci muoviamo verso il dominio. È la differenza di innamorarsi contro essere innamorati. Prima o poi, comunque, abbiamo stabilito una carriera o un posto nel mondo in cui abbiamo una certa padronanza e siamo rispettati e facciamo qualcosa di buono e la nostra identità si forma. E ora ci viene chiesto di non abbandonare ciò che sappiamo, ma la posizione della maestria, quindi possiamo ricominciare. La sfida è continuare a studiare sia con la mente del principiante che con il cuore del principiante. Guarda qualcuno che ammiri facendo qualcosa che amano. Come li influenza e cosa puoi imparare da loro su come fare meglio ciò che ami fare? Per essere più vicini ad esso, per andare verso ciò che è prezioso?

Dal lato del lavorare con ciò che ci viene dato, al contrario di scegliere ciò che amiamo fare, ognuno ha un genio ma non rivela la sua luce finché non lo colpiamo contro i bisogni del mondo. I nostri doni si manifestano attraverso la relazione e l’incarnazione.

MM: Nel libro parli di imparare ad amare la nostra finestra. Puoi approfondire questo?

MN: Gesù disse: “L’occhio è la lampada dell’anima”. Questa è una frase interessante e metaforicamente, non solo l’occhio vede, ma lascia entrare la luce e fa luce. Il nostro cuore, la mente, l’essere e il sé sono il nostro contenitore di spirito: l’unica finestra che abbiamo sul mondo. Quindi la nostra finestra sulla vita, in qualunque modo tu voglia guardarla, è il canale tra chi siamo e il resto del mondo, il resto della vita. E abbiamo bisogno di prenderci cura di quella finestra, tenerla pulita ed essere in grado di aprirla, non solo guardarla attraverso.

Ecco una piccola storia di Windows. La mia amata nonna immigrata viveva fino a novantaquattro anni e mi piaceva passare del tempo con lei. Durante l’ultima primavera della sua vita, in una bella giornata di maggio, andai a vederla e la sentii accasciata sul bordo del suo letto. Quando le chiesi cosa fosse successo, guardò la piccola finestra nella sua stanza e con il suo accento russo disse: “Ah, è un giorno grigio”.

Ho pensato subito Oh, non è lucida. Poi ho guardato la finestra e ho visto che non era stato pulito in sei mesi. Così dissi: “Nonna, la finestra è sporca. Lo faremo pulire e ti porterò fuori nel cortile. “Guardò la finestra e con il riconoscimento e l’umorismo di qualcuno che era stato qui per quasi cento anni, sospirò e disse” Ah, devo sporcarti occhio, vedi un mondo sporco. ”

MM: Lo adoro.

MN: Non posso dirti quante volte mi ha aiutato. Dobbiamo essere consapevoli che la mente e il cuore – il nostro stesso essere – vengono filmati dall’esperienza. La pulizia è una forma di introspezione; una forma di gratitudine; di appoggiarsi a ciò che è prezioso. Tutte queste sono forme di pulizia della finestra. L’obiettivo della vita non è quello di sporcarsi o di rimanere puliti, ma di rimanere nel processo. L’esperienza fa film sulla finestra del nostro cuore e poi elaborando ciò che abbiamo imparato, puliamo la finestra in modo che possiamo vedere di nuovo. È così che ami la finestra del tuo essere e prenditi cura di esso.

MM: Cosa vuoi dire scrivendo che “dobbiamo diventare finché non possiamo essere?”

MN: Siamo così fuori equilibrio nel nostro mondo moderno, così orientato al fare, che crea un’enfasi nel nostro mondo spirituale – il nostro mondo di coscienza – nel diventare oltre l’essere. Ma come esseri umani, abbiamo bisogno sia del divenire che dell’essere. Senza due occhi, non c’è percezione della profondità.

Ramana Maharshi ha detto: “Uno dei grandi paradossi è che cerchiamo la realtà quando siamo realtà”. Ciò non significa che ci fermiamo e ci sediamo senza impegnarci nel mondo. Una cometa entra nell’atmosfera e si consuma nella sua essenza. Allo stesso modo, dobbiamo muoverci attraverso il mondo per arrivare al nostro essere. Gran parte del mio ultimo libro riguarda la relazione tra sforzo e grazia.

Lo sforzo è rivelazione al rallentatore, ci prepara alla grazia. Non c’è niente di sbagliato nel “diventare” e avere sogni, obiettivi, ambizioni e lavorare verso le cose. Ma il divenire, il fare, il lavorare, è davvero accendere per noi essere riscaldati al nostro essere. Ci sono momenti seduti tranquilli che possiamo arrivare all’essenza. E ci sono momenti in cui essere nel mondo, siamo aperti. Dobbiamo combattere contro i bisogni del mondo, e dobbiamo essere fidanzati, e dobbiamo lavorare con ciò che ci viene dato. Non ottenere così tanto da scoprire la nostra essenza.

MM: In una sezione del libro intitolata Burning the Map, tu cita Sogyal Rinpoche dicendo: “L’aspettativa è una delusione premeditata”. Come possiamo coltivare la non aspettativa nel processo del divenire?

MN: Le aspettative ci spingono a spostarci verso ciò che è prezioso, a impegnarsi, a lavorare nel mondo, ma tendiamo a deificare e custodire l’aspettativa e sviluppare un infantile senso di successo. “Se ottengo quello che mi aspettavo, sono un successo, e se non lo faccio, sono un fallimento.” Questa è una visione egocentrica di successo e fallimento. Il nostro vero contributo è rivelato dal nostro impegno. Quindi lancia un sogno, un obiettivo, un’aspettativa, ma sappi che è solo un’impalcatura. Allora sarai sorpreso da dove ti porta.

 

TI RICORDO CHE  FINO AL 30 AGOSTO POTRAI ISCRIVERTI AL CORSO ONLINE SUI FIORI DI BACH, 1° MODULO, CON 35 EURO COMPRESA TESSERA SOCIO. Clicca sul link blu per vedere il programma e come funziona.

FARMACISTA OLISTICA

La mia provenienza è di tipo classico, una Laurea in Farmacia e abilitazione alla professione di Farmacista all’Università di Pisa.

Negli anni New Age sono passata dallo sciamanesimo alla cristalloterapia, tutte fasi che mi sono state di aiuto per vedere il Mondo con molti tipi di occhi.

Ho fatto anche tanta psicoterapia e esperienze di gruppo per affrontare le mie difficoltà e l’approdo finale è stato nella ricerca spirituale attraverso l’incontro con Osho e poi con Bodhi Avasa.

Dal Mondo di Osho ho appreso, con Svarup e Premartha, l’ASTROLOGIA ESPERIENZIALE che utilizzo solo in persone che sono pronte a questo tipo di esperienza.

Essendo istruttore MBSR, protocollo per la riduzione dello stress di J.K Zinn, utilizzo la MINDFULNESS come supporto al COACHING ASTROLOGICO .

Utilizzo rimedi vibrazionali come i fiori di BACH e questi sono solo una piccola parte dei miei strumenti di navigazione.

Una formazione che passa dai corsi post Laurea con la Boiron alle terapie olistiche, così che alla fine l’unico modo per sintetizzare la mia professione è definirmi come Farmacista Olistica.

dott.loredanaleonforte@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.